guida per le missioni

Il giorno 8 dicembre 2010, la Chiesta Battista Riformata di Caltanissetta (Chiesa Cristiana Evangelica Sola Grazia) si è riunita per celebrare il decennale della sua costituzione. Oltre ai membri della chiesa Sola Grazia, abbiamo avuto la gioia di avere tra noi fratelli provenienti da Palermo, da Castelbuono (PA), dalla provincia di Messina, da Catania e da Augusta.

Nel corso della mattinata ci sono stati tre brevi interventi da parte dei pastori Johnny Gravino (sul tema "Sola Scrittura"), Armando Casarella (sul tema "Sola fede") e Nazzareno Ulfo (sul tema "Sola grazia").

Abbiamo potuto godere della comunione fraterna e molte sono state le conversazioni tenute al tepore del sole dicembrino siciliano (il Signore ci ha concesso una splendida giornata di sole). Il pranzo è stato un momento di gioia e di generosa condivisione di molte delicatezze preparate da tutti gli intervenuti.

Leggi tutto e vedi le foto...

La grazia, oltre ad essere poca, risiede in un cuore corrotto. Ecco spiegato perché il cristiano è considerato “un lucignolo fumante”! La presenza della grazia non sradica la corruzione all’istante e, per questo motivo, nei credenti è presente un residuo di peccato che è causa di un conflitto spirituale. Per questo, anche le azioni migliori compiute dagli uomini migliori, devono essere purificate e santificate da Cristo! Ad esempio, quando finiamo di pregare, dovremmo supplicare Cristo un’altra volta affinché perdoni l’imperfezione della nostra preghiera.

Ricordiamo alcuni esempi biblici di quanto stiamo considerando. Quando Mosè giunse di fronte al Mar Rosso, fu grandemente perplesso e non sapendo cosa fare o cosa dire, si rivolse a Dio gemendo. Senza dubbio, egli affrontò un intenso conflitto interiore a causa della sua debolezza. Anche noi nei momenti di grande afflizione “non sappiamo pregare come si conviene; ma lo Spirito intercede per noi con sospiri ineffabili” (Romani 8:26). Quando Davide si trovò di fronte al re di Gath, finse di essere squilibrato (I Samuele 21:13). Tuttavia, in questa circostanza “il dolce cantore d’Israele” compose anche il Salmo 34, nel quale afferma che “il Signore è vicino a quelli che hanno il cuore afflitto” (Salmi 34:18). Quindi possiamo notare che insieme al fumo della finzione, ardeva in Davide anche la fiammella della preghiera. In un altro Salmo, Davide esclama: «Io, nel mio smarrimento, dicevo: “Sono respinto dalla tua presenza”», questo è il fumo. Poi aggiunge: «Ma tu hai udito la voce delle mie suppliche, quand’ho gridato a te» e questo è il fuoco (Salmi 31:22).

Benché in linea di principio la religione cristiana non sia ostile alla cultura, ugualmente non si può negare che attribuisca soltanto un valore subordinato a tutti i beni di questa vita terrena. Il valore del mondo intero non è grande quanto quello della perfezione del regno dei cieli, del perdono dei peccati e della vita eterna nella comunione con Dio. Sotto questo aspetto, la religione cristiana si oppone frontalmente alla visione del mondo assunta dall’uomo moderno e non è né adatta né pronta al compromesso. È in gioco nientemeno che il bene supremo dell’uomo.

Perciò non solo il cristianesimo è accusato, oggi, di opporsi alla cultura del passato piuttosto che di approfondirla e di assumere nei suoi confronti un atteggiamento di ostilità e rifiuto, ma si va oltre dichiarando che ha fatto ormai il suo tempo e che non può essere un fattore determinante rispetto allo sviluppo del futuro. Se la cultura moderna deve progredire, deve respingere completamente l’influenza del cristianesimo e rompere completamente con l’antica visione del mondo: dev’essere inaugurato un Kulturkampf al cui confronto quello di Bismarck contro i gesuiti fu un gioco da ragazzi!

John C. Ryle D.D. (1816-1900)

Appartieni all'unica e vera Chiesa, fuori dalla quale non c'è salvezza? Non ti sto chiedendo dove vai in chiesa  la domenica, ti chiedo solo: Appartieni all'unica e vera Chiesa?

Dov'è quest'unica e vera Chiesa? Qual è quest'unica e vera chiesa? Quali sono i segni che contraddistinguono quest'unica e vera Chiesa? Sono domande legittime. Prestatemi attenzione ed io vi fornirò alcune risposte.

L'unica e vera Chiesa è composta tutta da credenti nel Signore Gesù. E' composta da tutti gli eletti di Dio, da uomini e donne convertiti a Cristo, da ogni vero cristiano. In chiunque possiamo discernere l'elezione di Dio Padre, l'aspersione del sangue di Dio il Figlio, l'opera santificante di Dio lo Spirito Santo, in quella persona vediamo un membro della vera chiesa di Cristo.

Si tratta di una Chiesa della quale tutti i membri portano gli stessi segni caratteristici. Sono tutti nati dallo Spirito; tutti possiedono "ravvedimento davanti a Dio e fede nel Signore nostro Gesù Cristo", santità di vita e di condotta. Tutti odiano ciò che Dio considera peccato e tutti amano Cristo. Potranno rendere culto a Dio in maniere diverse. Alcuni useranno un particolare formulario di preghiere, altri nessuno; alcuni adorano Dio ponendosi in ginocchio, altri in piedi, ma tutti adorano Dio d'un cuore solo. Sono condotti da un unico Spirito; sono edificati su un unico fondamento; traggono tutti la loro religione da un unico libro, cioè la Bibbia. Sono tutti uniti, come i raggi di una ruota al perno centrale, a Gesù Cristo. Essi tutti possono persino ora dire d'un cuore solo: Alleluia, e possono rispondere d'un cuore solo e con un'unica voce: Amen e amen.

Free Joomla! template by L.THEME