paul washer round

Le missioni (34) - di Paul David Washer

“Nella chiesa che era ad Antiochia c’erano profeti e dottori: Barnaba, Simeone detto Niger, Lucio di Cirene, Manaem, amico d’infanzia di Erode il tetrarca, e Saulo. Mentre celebravano il culto del Signore e digiunavano, lo Spirito Santo disse: «Mettetemi da parte Barnaba e Saulo per l’opera alla quale li ho chiamati». Allora, dopo aver digiunato, pregato e imposto loro le mani, li lasciarono partire” (Atti 13:1-3).

All'inizio del suo ministero terreno, Gesù «costituì dodici, ai quali diede anche il nome di apostoli, perché stessero con lui»1. A questi uomini diede grande autorità grazie alla quale essi posero le fondamenta della chiesa2 e a quest’ultima lasciarono la testimonianza infallibile del Nuovo Testamento3. Tuttavia, andando avanti nel libro degli Atti, con lo scorrere degli anni, osserviamo che a emergere in misura sempre maggiore furono le chiese e i loro conduttori.

paul washer round

Le missioni (33) - di Paul David Washer

“Nella chiesa che era ad Antiochia c’erano profeti e dottori: Barnaba, Simeone detto Niger, Lucio di Cirene, Manaem, amico d’infanzia di Erode il tetrarca, e Saulo. Mentre celebravano il culto del Signore e digiunavano, lo Spirito Santo disse: «Mettetemi da parte Barnaba e Saulo per l’opera alla quale li ho chiamati». Allora, dopo aver digiunato, pregato e imposto loro le mani, li lasciarono partire” (Atti 13:1-3).

Abbiamo posto la nostra discussione sulla chiesa, alla fine di questa sezione su “I fondamenti del grande mandato” non perché sia meno importante rispetto agli altri argomenti già trattati, ma per metterla in risalto. Infatti, affermeremo che la chiesa locale è il vero "centro" del grande mandato e dovrebbe essere in prima linea in tutti i nostri sforzi missionari!

Sarebbero pochi coloro che si opporrebbero all'affermazione che il grande mandato è stato dato alla chiesa. Infatti, la maggior parte risponderebbe con un caloroso “Amen!” Tuttavia, bisogna fare un passo avanti se vogliamo che questa affermazione abbia un impatto sul nostro modo di fare missione: dobbiamo definire cosa intendiamo con il termine “chiesa”.

paul washer round

Le missioni (32) - di Paul David Washer

Alla luce dell’importanza che il libro degli Atti e le epistole danno alla predicazione, dovremmo chiederci perché nelle moderne missioni vengano dati così poco spazio e attenzione alla proclamazione del Vangelo. In risposta a questa domanda, si potrebbero evidenziare almeno due ragioni: la sapienza umana e la paura.

A meno di una sincera e reale conversione, alla totale rinuncia alle risorse proprie dell’uomo, a una completa sottomissione alla saggezza di Dio espressa nelle Scritture e al potere di Dio attraverso la preghiera, l’uomo sceglierà sempre il pragmatismo, facendolo prevalere sui comandamenti divini. Un simile atteggiamento risulta essere particolarmente vero se si considera il grande mandato e con esso tutte le forme di evangelismo e di fondazione di nuove chiese locali che lo competono. Pare si sia propensi a scegliere un qualsiasi genere di schema umano piuttosto che seguire il semplice comandamento di predicare, come Dio stesso ha stabilito e benché si sia stati ampiamente messi in guardia in merito ai pericoli che derivano dalla disobbedienza a questo ordinamento. Nella sua epistola alla chiesa di Corinto, l’apostolo Paolo scrive:

paul washer round

Le missioni (31) - di Paul David Washer

 Il fatto che il predicatore e la predicazione debbano avere il primo posto nel compimento del grande mandato e di ogni altro impegno missionario è chiaramente affermato nella lettera che l’apostolo Paolo scrisse alla chiesa di Roma:

«Ora, come invocheranno colui nel quale non hanno creduto? E come crederanno in colui del quale non hanno sentito parlare? E come potranno sentirne parlare, se non c'è chi lo annunci? E come annunceranno se non sono mandati? Com'è scritto: "Quanto sono belli i piedi di quelli che annunciano buone notizie!"»1

C’è un detto, erroneamente attribuito a San Francesco d’Assisi, che recita: “Predica l’Evangelo ovunque, usa le parole se necessario”2. Che il Vangelo debba essere vissuto davanti agli altri uomini è indiscutibile. Tuttavia questo accattivante detto non è interamente corretto. In esso c’è abbastanza errore da renderlo pericoloso. Le Scritture insegnano che Dio ha scelto di usare le parole e la comunicazione verbale quale strumento principale per la salvezza degli uomini, indipendentemente dalla nazione, tribù, popolo o lingua di appartenenza. In 1 Corinzi 1:21, l’apostolo Paolo ha scritto:

Free Joomla! template by L.THEME